Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Donna Theo Strickland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Donna Strickland)
Jump to navigation Jump to search
Donna Strickland nel 2012
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la fisica 2018

Donna Theo Strickland (Guelph, 27 maggio 1959) è una fisica canadese vincitrice del Premio Nobel per la fisica del 2018, insieme a Gérard Mourou e Arthur Ashkin, per le loro "invenzioni rivoluzionarie nel campo della fisica dei laser"[1].

È la terza donna a ricevere il Nobel per la fisica dopo Maria Goeppert-Mayer nel 1963 e Marie Curie nel 1903.

Biografia

Donna Strickland è nata il 27 maggio 1959 a Guelph, nell'Ontario, in Canada figlia dell'insegnante Edith J. (nata Ranney) e dell'ingegnere elettrico Lloyd Strickland[2]. Ha una sorella Anne e un fratello Rob.

Si è laureata in ingegneria fisica a McMaster University nel 1981, dove era una delle tre donne in una classe di venticinque[3]. Ha conseguito il dottorato in fisica (specialistica in ottica) presso l'Università di Rochester nel 1989[4][5]. Sotto la supervisione di Gérard Mourou ha discusso la tesi di dottorato intitolata Sviluppo di un laser ultra-brillante e un'applicazione per la ionizzazione multi-fotone[2]. Nel 1985, mentre si trovava a Rochester, Mourou e Strickland hanno co-inventato l'amplificazione a impulsi chirp per laser, un metodo per generare impulsi ottici ultracorti ad alta intensità, per i quali in seguito hanno ricevuto il Premio Nobel per la fisica.

Donna Strickland studentessa all'Università di Rochester.

Carriera

Dal 1988 al 1991, Strickland è stata ricercatrice associata presso il National Research Council del Canada, dove ha lavorato con Paul Corkum nella sezione dei fenomeni ultraveloci, che all'epoca aveva prodotto la distinzione tra il laser a impulsi a corto raggio più potente al mondo[non chiaro][6]. Dal 1991 al 1992 ha lavorato nella divisione laser del Lawrence Livermore National Laboratory entrando a far parte dello staff tecnico dell'Advanced Technology Center di Princeton per la fotonica e i materiali optoelettronici nel 1992. Si è unita all'Università di Waterloo nel 1997 come assistente professore[4] ed è attualmente professore associato[nel mondo anglosassone "assistente professore" è professore associato], leader di un gruppo che sviluppa sistemi laser ultraveloce ad alta intensità per indagini di ottica non lineare[7]. Si descrive come un "laser jock"[8].

Il gruppo laser ultraveloce di Strickland presso l'Università di Waterloo, nel 2017

Il recente lavoro di Strickland si è concentrato sullo spingere i confini della scienza ottica ultraveloce verso nuove gamme di lunghezze d'onda, come il medio infrarosso e l' ultravioletto, usando tecniche a due colori o multifrequenza, così come la generazione Raman[7]. Sta inoltre lavorando sul ruolo dei laser ad alta potenza nella lente microcristallina dell'occhio umano, durante il processo di microlavorazione della lente dell'occhio per curare la presbiopia[7].

Donna Strickland è diventata socia di The Optical Society (allora nota come Optical Society of America) nel 2008. Ha ricoperto la carica di vicepresidente e presidente rispettivamente nel 2011 e nel 2013 ed è stata redattrice capo della rivista Optics Letters dal 2004 al 2010[7][9].

Vita personale

È sposata con il collega Rochester Douglas R. Dykaar. Hanno due bambini[3].

Note

  1. ^ (EN) The Nobel Prize in Physics 2018, su nobelprize.org. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  2. ^ a b Donna T. Strickland, Development of an ultra-bright laser and an application to multi-photon ionization (PDF), su Laboratory for Laser Energetics, University of Rochester, 1988. URL consultato il 2 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2013).
  3. ^ a b Ivan Semeniuk, Canada's newest Nobel Prize winner, Donna Strickland, 'just wanted to do something fun', in The Globe and Mail, 2 ottobre 2018. URL consultato il 3 ottobre 2018.
  4. ^ a b Biographies – Donna T. Strickland, The Optical Society. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) Donna Strickland, su Education Program for Photonics Professionals, University of Waterloo, 11 settembre 2012. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  6. ^ Shelley Page, Laser lab makes short work of super beam, in The Ottawa Citizen, 19 ottobre 1990.
  7. ^ a b c d Donna Strickland, su University of Waterloo, 5 aprile 2012. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  8. ^ Jessica Murphy, Donna Strickland: The 'laser jock' Nobel prize winner, BBC News, 2 ottobre 2018. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  9. ^ Arthur Ashkin, Gérard Mourou, and Donna Strickland Awarded 2018 Nobel Prize in Physics, su osa.org, The Optical Society. URL consultato il 2 ottobre 2018.

Pubblicazioni selezionate

  • (EN) Donna Strickland e Gerard Mourou, Compression of amplified chirped optical pulses, in Optics Communications, vol. 56, nº 3, 1985, pp. 219–221, DOI:10.1016/0030-4018(85)90120-8, ISSN 00304018 (WC · ACNP).
  • (EN) P. Maine, D. Strickland, P. Bado, M. Pessot e G. Mourou, Generation of ultrahigh peak power pulses by chirped pulse amplification, in IEEE Journal of Quantum Electronics, vol. 24, nº 2, 1988, pp. 398–403, DOI:10.1109/3.137, ISSN 0018-9197 (WC · ACNP).
  • (EN) D. Strickland e P.B. Corkum, Resistance of short pulses to self-focusing, in JOSA B, vol. 11, nº 3, 1994, pp. 492–497, DOI:10.1364/JOSAB.11.000492.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN105227358 · ISNI (EN0000 0000 7443 9172 · ORCID (EN0000-0003-2925-5413 · GND (DE1168266440