Mercurio (divinità)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Mercurio nell'interpretazione scultorea di Jean-Baptiste Pigalle.

Mercurio (Mercurius, nome latino del dio greco Hermes, Ερμής) è il protettore dell'eloquenza, del commercio e dei ladri, nella mitologia greca e romana. Essendo il messaggero degli dei viene spesso raffigurato con le ali ai piedi. Viene raffigurato come figlio di Giove e della pleiade Maia.

Mitologia

Paolo Farinati, Mercurio che afferra la Fortuna per il lungo ciuffo, 1590 circa, affresco, Villa Nichesola-Conforti, Ponton di Sant'Ambrogio di Valpolicella (Verona).

Mitologia greca

Nella mitologia greca Mercurio (Hermes), figlio di Zeus e della ninfa Maia, era il messaggero degli dei, dio protettore dei viaggi e dei viaggiatori, della comunicazione, dell'inganno, dei ladri, dei truffatori, dei bugiardi, delle sostanze, della divinazione. Tra gli altri ruoli, Hermes era anche il portatore dei sogni e il conduttore delle anime dei morti negli inferi.

Mitologia romana

Nella mitologia romana Mercurio rappresenta non solo per la sua velocità i ladri ma è anche il dio degli scambi, del profitto del mercato e del commercio, il suo nome latino probabilmente deriva dal termine merx o mercator, che significa mercante.

A Roma, un tempio a lui dedicato, venne eretto nel Circo Massimo sul colle Aventino, nel 495 a.C.

«…I consoli (Publio Servilio Prisco Strutto e Appio Claudio Sabino Inregillense) si contendevano l'onore di consacrare il tempio di Mercurio e il senato girò la questione al popolo: a chi dei due fosse toccato, per volontà del popolo stesso, l'onore della consacrazione, sarebbe andata anche l'amministrazione dell'annona e il compito di formare una corporazione di commercianti, nonché di celebrare i riti solenni di fronte al pontefice massimo. Il popolo assegnò la consacrazione del tempio a Marco Letorio, centurione primipilo, con un intento chiarissimo: non si trattava cioè tanto di onorare quest'uomo - troppo grande la sproporzione tra l'incarico e la sua posizione nella vita di tutti i giorni -, quanto di un'offesa alle persone dei consoli. …»

(Tito Livio, Ab Urbe condita libri, lib. II, par. 27)

Ebbe dalla ninfa Carmenta Evandro, il mitologico fondatore della città di Pallante sul Palatino a Roma.[1]

Nell'arte

Curiosità

Il governo italiano dedicò proprio a Mercurio la vecchia banconota da 500 lire, dal 1974 al 1979.

Note

Voci correlate

Altri progetti

Controllo di autoritàVIAF (EN102459012 · LCCN (ENno2015131198 · GND (DE118641077 · CERL cnp00575540
Mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia