Gérard Mourou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gérard Albert Mourou
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la fisica 2018

Gérard Albert Mourou (Albertville, 22 giugno 1944) è un fisico francese vincitore del Premio Nobel per la fisica del 2018, insieme a Donna Strickland e Arthur Ashkin, per le loro "invenzioni rivoluzionarie nel campo della fisica dei laser"[1].

Biografia

Gérard Mourou è un pioniere francese nel campo dell'ingegneria elettronica e dei laser. Insieme a Donna Theo Strickland ha co-inventato un tecnica chiamata chirped pulse amplification, o CPA, che è stata successivamente utilizzata per creare impulsi laser ultracorti ad altissima intensità (terawatt). Grazie a questa scoperta ha vinto il premio Nobel per la fisica 2018. Nel 1994, Mourou e il suo team all'University of Michigan  scopre che l'equilibrio tra la rifrazione dell'autofocalizzazione (vedi effetto Kerr) e la diffrazione auto-attenuante mediante ionizzazione e rarefazione di un raggio laser di intensità del terawatt nell'atmosfera crea "filamenti" che agiscono come onde guida per il raggio impedendo così la divergenza. È stato direttore del Laboratoire d'Optique Appliquee presso l'ENSTA (Palaiseau, Francia) ed è professore all'École Polytechnique (Palaiseau, Francia). È stato direttore fondatore del Center for Ultrafast Optical Science (CUOS) presso l'Università del Michigan nel 1990. Il 23 novembre 2015 ha partecipato alla Terza conferenza di Natale a Bucarest. La sua presentazione era intitolata Breaking Through The Unknown: Extreme light, Science to Art. Le precedenti lezioni furono tenute da Sir Thomas Kibble e dal professor Joseph Silk.

Premi

Note

  1. ^ (EN) The Nobel Prize in Physics 2018, su nobelprize.org. URL consultato il 2 ottobre 2018.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN163740844 · ISNI (EN0000 0001 1714 9520 · LCCN (ENn84074346 · GND (DE1078972184 · BNF (FRcb177135804 (data)